Cacciaviti, come scegliere quelli giusti…

cacciaviti

Come sceglie il giusto set di cacciaviti

  • Testa a croce: Inventato dall’america Thompson per risolvere le problematiche di utilizzo della testa a taglio ed è formata da un intaglio a croce che garantisce una grande stabilita del cacciavite al suo interno agevolandone l’accoppiamento.
  • Testa a brugola:  formato da un foro a sezione esagonale che garantisce una maggior resistenza rispetto alle classiche a taglio ed a croce.
  • Testa torx o francese: Nasce dall’esigenza di avvitare viti più resistenti senza ovviamente rovinarle, la testa di questo tipo di vite è caratterizzata da un incavo a forma di stella a sei punte che permette di esercitare una notevole torsione.    Questa tipologia di viti trovano largo impiego soprattutto nella meccanica, applicazioni automobilistiche, motociclistiche, navali etc..
  •  Robertson: caratterizzate da un foro sezione quadrata, usato principalmente in Canada ma si può trovare anche su piccoli elettrodomenstici come antimanomissione da parte di persone non autorizzate.
  • Tri-Wing o tripla ala: Simile alla testa a croce ma con intaglio a tre incisioni, Usate principalmente come antimanomissione, le troviamo nei piccoli elettrodomentici, nei gamboy della nintendo in alcuni caricabatterie universali.
  • Torq-Set: Simile a quello a croce ma con i quattro intagli con tangente fuori centro
  • Spanner: Testa liscia con due fori , la troviamo su i citofoni e su oggetti in cui le viti sono a vista, hanno doppia funzione, estetica e antimanomissione.
  • One-way screw: Dotata di una particolare incisione che permette l’avvitamento, ma rende molto difficile lo smontaggio.
  • Stella a 12 punte: Come la torx ma con 12 lati, questo tipo di vite viene usata per applicazioni meccaniche pesanti, possiamo trovarle su accoppiamenti di parti meccaniche sottoposte a grandi pressioni come la testata del’automobile, pistoni idraulici e mille altre applicazioni.

Questi sono i più diffusi ma ci potremmo trovare davanti a viti con teste particolari e la soluzione migliore è sempre utilizzare il cacciavite giusto per non la vite e rischiare di impazzire poi per rimuoverla con mezzi alternativi.



Come cegliere una serie di cacciaviti

Una volta capito a cosa ci servono i cacciaviti sapremo precisamente cosa comprare ma dovremo valutare alcune caratteriste base.

  • Testa del cacciavite, la prima cosa importante da valutare è la qualita della punta del cacciavite, e cioè la parte che si accoppierà con la vite, una testa di bassa qualità sarà poco resistente oltre che a danneggiarsi, causerà inevitabilmente danni alle viti che andremo ad avvitare o svitare.
  • Manico o impugnatura:Il manico è essenziale per un buon utilizzo del cacciavite, deve essere resistente, ergonomico e fornire un buon grip per permetterci di imprimere agevolmente la forza necessaria per avvitare o svitare la vite.
  • Stelo: Lo stelo è la parte che va dal manico alla punta, sembra inutile dirlo ma nei set con inserti lo stelo generalmente impedisce di raggiungere le viti presenti in alloggiamenti profondi come nel caso degli elettrodomestici, quindi una valutazione da fare prima di aquistare un set di cacciaviti è sicuramente l’ingombro e la lunghezza dello stelo del cacciavite.
  • Punta magnetica: La scelta di un cacciavite con punta magnetica renderà più agevole il montaggio di viti in posizioni ed alloggiamenti scomodi da raggiungere prevenendo anche il rischio che la vite cada magari infilandosi in posti irraggiungibili.
  • Isolamento: Se devi lavorare su parti elettriche in tensione, la caratteristica essenziale di un buon cacciavite sarà un buon isolamento. i cacciaviti da elettricista sono generalmente costituito da un rivestimento dielettrico in gomma che lascia scoperta solo la parte che andrà a contatto con la testa della vite.

La scelta giusta…

  • Una buona serie di cacciaviti per uso casalingo e cioè per piccoli lavoretti di manutenzione della casa può tranquillamente ricadere su una serie economica che abbia i tagli e le misure base.
    Un set di cacciaviti base che abbia al suo interno cacciaviti a taglio e cacciaviti a croce di varie misure ci permetterà di svolgere le piccole manutenzioni di casa senza alcun problema, regolare le cerniere della cucina, montare una plafoniera, montare un tassello e smontare e cambiare le corde delle tapparellesostituire una presa, etc.
  • Se invece siamo più attivi e ci cimentiamo nella riparazione un po più “complesse”, come riparare gli elettrodomestici, la scelta sarà orientata verso un set di cacciaviti più completa, che contenga anche cacciaviti torxcacciaviti con testa a brugola ma soprattutto cacciaviti con teste più particolari come, Robertsontri-wingtorq-setspanner e vari tipi di teste antimanomissioni.
  • Per la riparazione di smartphone e apparecchi tecnologici miniaturizzati ci sono in commercio dei favolosi set di attrezzi dedicati rendono l’esecuzione del lavoro semplice e veloce, operazioni che senza i giusti strumenti sarebbe veramente impossibile.
  • Per lavori elettrici: Indispensabile un cercafase e dei cacciaviti isolati.




About Author

Avatar per Stefano
Stefano

Lascia un commento